Cerca nel sito

AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla

Chiama il 45512

Contattaci

TWT Solidale - Dal 01 gennaio 2021 al 30 aprile 2021

#Ripartireinsieme focus donne

“Ognuno di noi ha vissuto questi mesi a partire dalla fine di febbraio come uno stravolgimento della vita cui era abituato, con la paura di essere colpito da un nemico invisibile, con un conflitto tra l’obbligatorietà di una lunga lontananza dalla cerchia abituale lavorativa e sociale e la voglia di rischiare il contagio per non sentirsi tagliati fuori dal mondo. Un mondo esterno che ci ha peraltro raccontato anche fin troppo cosa stava succedendo, con un incalzare di numeri e di racconti di vita; nelle aree geografiche più colpite abbiamo pianto con chi ha perso i propri cari e abbiamo pregato per la frontiera dei medici, degli infermieri, di tutti i volontari impegnati nell’emergenza. Chi è a maggior rischio, come le persone con SM ha dovuto proteggersi ancora di più rispetto agli altri, i “sani”. “ M. Battaglia Barometro AISM 2020

Adattarsi a questo scenario così repentino e confondente si è reso necessario anche per le persone con SM. Ma per ciascuna di loro conformarsi al quadro di riferimento ha significato non solo prendere congedo da una quotidianità ora più complicata e straniante, ma accettare i rischi di una malattia – la propria SM – potenzialmente ancora più ostile e difficile da gestire. L’emergenza di questi giorni ha modificato la dimensione del vivere di 126mila persone e delle loro famiglie.

L’impatto dell’emergenza sanitaria ha prodotto un distacco netto tra il prima e il dopo, mettendo a dura prova la resilienza individuale. L’adattamento al nuovo ambiente di vita presuppone la capacità da parte delle persone con SM di assimilare nuove strategie di fronteggiamento e, da parte di AISM, di elaborare nuove modalità di relazione e supporto.

Il periodo immediatamente successivo alla fase di risposta ad una situazione di emergenza, si configura per le persone con SM e per i caregivers come tra i più critici dal punto di vista emotivo e relazionale: esaurita la necessità di un’azione rapida ed immediata, ci si ritrova infatti a fare i conti con le conseguenze pratiche e psicologiche degli eventi trascorsi, talvolta scoprendosi soli e impreparati a gestirle efficacemente.

L’accelerazione determinata dall’emergenza sanitaria – che ha indotto tutto il mondo a ripensare se stesso, le abitudini, i comportamenti, i modelli di relazione – ha portato con sé nuove sfide anche per AISM: non lasciare nessuno indietro, mantenendosi e facendosi ancora più vicini alle persone più gravi tradizionalmente seguite dall’Associazione; raggiungere e rispondere ai bisogni di tutte le persone coinvolte nella SM in contatto con AISM anche attraverso i Centri clinici e i canali social; rafforzare e allargare il contatto e la relazione con le persone con SM e i loro familiari, intercettando tempestivamente nuovi bisogni ed esigenze, con particolare attenzione ai soggetti più esposti agli effetti della pandemia; rivedere e potenziare nell’emergenza la propria struttura dei servizi, sia rispetto alle attività di assistenza, affiancamento, supporto alla persona sia rispetto all’attività di informazione e orientamento; reindirizzare le priorità e i programmi d’azione e di intervento alla luce del nuovo contesto; reinterpretare la propria Carta dei Diritti e l’Agenda della SM per farne la guida dell’attività di advocacy e di rappresentanza dei diritti

Il seguente progetto si propone di ripartire con le attività della sezione, con modalità innovative, per garantire a tutte le persone con SM del territorio il supporto e la vicinanza di cui hanno bisogno.

La ripartenza dei servizi permetterà alle persone con SM non solo di poter ricominciare a vivere la vita come prima della pandemia, ma anche e soprattutto di rielaborare l’impatto emotivo provocato dalla recente emergenza sanitaria.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

  • Favorire la ripartenza, ovvero il progressivo raggiungimento di una quotidianità sufficientemente ampia, inclusiva e soddisfacente;
  • Ampliare la capacità di fronteggiamento dello stress e la resilienza delle persone con SM e dei loro familiari;
  • Garantire continuità di relazione ai nuovi contatti emersi nella condizione di emergenza;
  • Individuare ed avviare nuove modalità per il superamento del rischio di isolamento, della grave carenza di assistenza domiciliare e della difficoltà di avere dei badanti ;
  • Implementare un sistema di risposte più sostenibile sia dal punto di vista economico che da un punto di vista organizzativo
AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla è l’unica organizzazione in Italia che interviene a 360 gradi sulla sclerosi multipla: rappresenta e afferma i diritti delle persone con SM, promuove i servizi a livello nazionale e locale e sostiene, indirizza e promuove la ricerca scientifica. Dal 1968, da 50 anni, AISM è il punto di riferimento più autorevole e più vicino per tutte le persone con SM, 114 mila, i loro familiari, gli operatori sanitari e sociali.

Per maggiori informazioni: www.aism.it
Donazione da rete fissa TWT: 5 €

Condividi questo articolo